Attivo sulla scena jazzistica internazionale da quasi quarant’anni, ha suonato ed inciso con alcuni tra i più importanti musicisti americani ed europei a cavallo tra diverse generazioni: D. Gillespie, C. Baker, A. Farmer, M. Waldron, R. Workman, A. Mangelsdorff, G. Gaslini, E. Rava, S. Swallow, F. Koglmann, P. Favre, K. Wheeler, K. Tippett, K. Berger, H. Bennink, A. Andersen, T. Gurtu, H. Drake e tantissimi altri. Oltre a dirigere proprie formazioni, tra cui “Astrolabio” con G. Trovesi, G. Ferris e M. Godard, il “QuarkTet” con A. Hawkins, M. Formanek e G. Hemingway, “Troi Griòts” con G. Maier e Z. De Rossi e Sonic Hologram, suona con la “Minafric Orchestra” e con “Canto General” di Pino Minafra. Si esibisce in Germania, Austria, Svizzera, Belgio, Francia, Danimarca, Norvegia, Inghilterra, Spagna, Portogallo, Yugoslavia, Albania, Romania, Russia, India, Giappone, Messico, Tailandia, Marocco, Algeria, Costa d’Avorio, Senegal, Cameroun, Stati Uniti e Canada e ha inciso per Red, Splasc(h), Soul Note, Dodicilune, Hat Art, Intakt, ECM, DIW ed Ogun. Come didatta ha fondato il corso Musica Jazz nel Conservatorio della sua città, di cui è anche coordinatore da 28 anni. Conduce Workshops e Masterclass su varie tematiche in giro per il mondo.
Di prossima pubblicazione il volume da lui curato per Stampa Alternativa collana Jazz People, curata da Gianfranco Salvatore, Steve Lacy. Una diversa prospettiva.