Sassofonista e compositore, si laurea a Bologna in Discipline delle Arti, Musica e Spettacolo. Dal 1981 ai primissimi anni ‘90 è membro del gruppo di Franco D’Andrea, col quale partecipa a svariati festival jazz nazionali ed internazionali. Tra gli album incisi durante questa collaborazione spiccano “Live” e “No Idea of Time”, premiati dalla rivista «Musica Jazz» come ‘miglior disco’ negli anni 1984 e 1986. Nel 1983 inizia a fare parte del quintetto di Paolo Fresu, realizzando numerosi i tour in Italia e all’estero.
Dal 1985 Tino Tracanna realizza numerosi progetti discografici in quartetto e quintetto, tra i quali ricordiamo “Gesualdo” (rielaborazione dei madrigali di Gesualdo da Venosa), “Affinità Elettive” (concerto per piccola orchestra e quartetto jazz), il più recente “Acrobats” ottimamente accolto da pubblico e critica, così come “Double Cut” quartetto pianoless con Massimiliano Milesi, Giulio Corini e Filippo Sala.
Nel referendum di «Musica Jazz» del 2017, Tino Tracanna risulta al secondo posto nella classifica migliori musicisti e terzo in quella dei migliori gruppi con “Acrobats”. Tino Tracanna ha al suo attivo più di 100 incisioni discografiche come solista.